Sei anni fa è nata l’idea di creare un evento nuovo e continuo in un locale che sapesse coniugare prezzi moderati con un sano divertimento. Un party nato da un'organizzazione informale che ha sempre garantito il massimo divertimento!

Made for STRICTLY in 2014/2015

Sei anni fa è nata l’idea di creare un evento nuovo e continuo in un locale che sapesse coniugare prezzi moderati con un sano divertimento. Un party nato da un'organizzazione informale che ha sempre garantito il massimo divertimento!

Made for STRICTLY in 2014/2015

Fun, Drinks, Strictly, Repeat

Fun, Drinks, Strictly, Repeat

STRICTLY, un sabato sera diverso da tutti gli altri, ma non perchè va di moda dirlo, ma come tanti possono testimoniare un party in cui per tutta la durata si respira un clima di divertimento genuino e inimitabile.
 
Il tema di quest' anno, "Città nuova" ha preso forma prendendo spunto da i principi e gli scritti
de "Il manifesto del Futurismo".

Client: Strictly
Agency: -
Role: Art Director, Visual Designer, Video Maker

STRICTLY, un sabato sera diverso da tutti gli altri, ma non perchè va di moda dirlo, ma come tanti possono testimoniare un party in cui per tutta la durata si respira un clima di divertimento genuino e inimitabile.
 
Il tema di quest' anno, "Città nuova" ha preso forma prendendo spunto da i principi e gli scritti
de "Il manifesto del Futurismo".

Client: Strictly
Agency: -
Role: Art Director, Visual Designer, Video Maker

Schermata-2018-04-30-alle-18.32.33
Flyer_strictly
Flyer_strictly_retro
flyers_1
flyers_2
flyers_3

"Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poiché ci sentivamo soli in quell’ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all’ ESERCITO delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti. Soli coi fuochisti che s’agitano davanti ai forni infernali delle GRANDI NAVI, soli coi neri fantasmi che frugano nelle pance arroventate delle LOCOMOTIVE lanciate a pazza corsa, soli cogli UBRIACHI annaspanti, con un incerto batter d’ali lungo i muri della Città.

"Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poiché ci sentivamo soli in quell’ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all’ ESERCITO delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti. Soli coi fuochisti che s’agitano davanti ai forni infernali delle GRANDI NAVI, soli coi neri fantasmi che frugano nelle pance arroventate delle LOCOMOTIVE lanciate a pazza corsa, soli cogli UBRIACHI annaspanti, con un incerto batter d’ali lungo i muri della Città.

Sussultammo ad un tratto, all’udire il rumore formidabile degli enormi TRAMVAI a due piani, che passano sobbalzando, risplendenti di luci multicolori, come i villaggi in FESTA che il Po straripato squassa e sradica d’improvviso, per trascinarli fino al mare, sulle cascate e attraverso i gorghi di un diluvio. Poi il silenzio divenne più cupo..."

da "Il Manifesto del Futurismo" di Filippo Tommaso Marinetti, 5 Febbraio 1909

Sussultammo ad un tratto, all’udire il rumore formidabile degli enormi TRAMVAI a due piani, che passano sobbalzando, risplendenti di luci multicolori, come i villaggi in FESTA che il Po straripato squassa e sradica d’improvviso, per trascinarli fino al mare, sulle cascate e attraverso i gorghi di un diluvio. Poi il silenzio divenne più cupo..."

da "Il Manifesto del Futurismo" di Filippo Tommaso Marinetti, 5 Febbraio 1909

locandine_1
locandine_2
locandine_3

© 2018 Vincenzo Marco Palmieri, All Rights Reserved.

© 2018 Vincenzo Marco Palmieri, All Rights Reserved.